2 agosto: giovedì: ritorno

            Alle 3,30 del mattino, stando al PPS, la giornata si preannuncia ok. Quando ci alziamo, alle 5, il tempo volge invece al brutto. Si resta in attesa poi si decide per la discesa a vale rinunciando alla Margherita. Appena sotto il Balmenhorn, furiosa tempresta di neve che per fortuna non dura molto. Si arriva alla Gnifetti col tempo ritornato al bello. Celebrazione nella cappelletta della Madonna dei ghiacciai, colazione e poi discesa passando dal Mantova perché qualcuno ha paura del tratto sulle rocce (PD-PP) che collega più velocemente Gnifetti e ghiacciaio dell’Indren. Seconda bufera di neve, questa volta prolungata e caratterizzata da vento fortissimo che butta per terra. Causa tuoni ricorrenti qualcuno è tentato di applicare la prima legge della montagna in versione… riveduta e corretta. Verso le 11.30 siamo alla funivia del Passo dei Salati. Sotto la minaccia del blocco della funivia causa il vento sempre violentissimo ci affrettiamo tutti e 10 su un’unica cabina e ci restiamo praticamente per un’ora perché la discesa è segnata da continue fermate a causa del vento: Jano è cadaverico per la paura e Sergio soffre il mal… di mare per i continui ondeggiamenti della cabina. Unico vantaggio: sotto la regia del PPS gli slovacchi non pagano il biglietto! Il secondo tratto è invece più regolare e veloce, così alle 14,30 siamo all’Isola per la merenda-sinoira offerta da Sergio che anticipa i festeggiamenti per il suo compleanno. Alle 15.30 saluti a tutti e arrivederci alla prossima!

2 agosto: giovedì: ritornoultima modifica: 2007-08-02T23:10:00+02:00da paolo-s
Reposta per primo quest’articolo