30 luglio, lunedì: Breithorn occidentale per gli slovacchi, rifugio Lo Riondé (Duca degli Abruzzi) per gli italiani

            Il programma prevede per tutti levata mattutina, per trovarsi poi alle 7 alla prima funivia per il Plateau Rosa per fare il Breithorn occidentale (4165 m). Ma alle 6 piove. Nell’attesa dell’evoluzione del tempo si celebra. Il tempo sembra mettersi al bello e allora si va alle funivie che però sono bloccate dal vento. Finalmente, intorno alle 8,30-8,45 si parte. Al Plateau sole splendido ma vento fortissimo. I 2 italiani rinunciano a salire per paura di non farcela a prendere poi l’ultima funivia del ritorno. Perciò indicano solo la strada agli slovacchi che partono alle 9,50. Il PPS e d. Beppe scendono a casa, alleggeriscono gli zaini e verso mezzogiorno ripartono per fare rifugio Lo Riondé (Duca degli Abruzzi). In poco più di 3 ore fanno andata e ritorno con sosta mangereccia, per un percorso che è indicato in 3 ore solo per la salita. Tempo stupendo ma col solito vento freddissimo. I due sono in forma perfetta. In serata arrivano i perugini, nuovo gruppo ospite a Perreres. Arrivano anche gli slovacchi che hanno compiuto l’impresa. Felicissimi.

30 luglio, lunedì: Breithorn occidentale per gli slovacchi, rifugio Lo Riondé (Duca degli Abruzzi) per gli italianiultima modifica: 2007-07-30T23:05:00+02:00da paolo-s
Reposta per primo quest’articolo