23 luglio 2007, lunedì: verso la Roisetta

            In macchina fino al parcheggio sotto Cheneil (2088 m) per salire poi alla irraggiungibile Roisetta. Si parte, come da indicazione, sul sentiero n. 29. La salita è ripida (come lo strappo che da Cuneaz porta ai laghi Pinter, replicata però più volte). Un morbo maligno (contrazione muscolare?) fa soffrire d. Beppe. Si arriva ad un bivio e, causa la segnaletica ancora una volta orrenda, il PPS, esperto di topografia, imbocca decisamente il sentiero sbagliato (il n. 30, per il Gran Tournalin). Correzione di rotta e proseguimento verso la cima che non viene raggiunta causa il morbo di cui sopra e il tempo che si fa brutto, con vento freddo. Ci arriviamo però vicini. In discesa, il PPS, memore della predica del giorno prima sull’ospitalità, aiuta d. Beppe in certi passaggi piuttosto aerei. Raccogliamo anche stelle alpine per una captatio benevolentiae delle cuoche. Sosta al bar di Cheneil (8 euro per due fette di torta surgelata ai mirtilli!!!) e ritorno a casa. A seguire: doccia; furto del giornale del gestore da parte del PPS; consegna delle stelle alpine alle cuoche che si sciolgono…; telefonata al semi-dottore Egisto in merito al morbo muscolare; andata a Cervinia in farmacia per acquistare la pomata che si rivelerà miracolosa; bighellonaggio per Cerviania sotto la pioggia, a 10 gradi, con nuvole sui tetti e tempo orrendo (quando muoiono i 4 studenti sul Bianco e la tedesca sul Rosa).

23 luglio 2007, lunedì: verso la Roisettaultima modifica: 2007-07-23T23:00:00+02:00da paolo-s
Reposta per primo quest’articolo